LIGHTSCAPES – Il racconto del paesaggio urbano attraverso la luce

10/05/2019
Arch. Cinzia Ferrara – Arch. Andrea Ingrosso – Teatrino Convitto Palmieri_Lecce “Lightscape.

Cinzia Ferrara

Architetto lighting designer, fonda nel 1990 lo studio Ferrara Palladino Lightscape con sede a Milano, via Morimondo 26.
Fin dall’inizio incentra la sua ricerca professionale sulla relazione fra luce ed architettura. Fra tensione creativa e formazione culturale specifica, incentra la propria attività sulla massima integrazione fra luce e paesaggio, conferendo al progetto un valore aggiunto. Oggi l’attività professionale si articola su due versanti principali: la progettazione della luce in ambienti interni così come in ambito urbano e il design di corpi illuminanti. La luce è affrontata nella sua interezza, frutto di un’esperienza in cui creatività e concretezza si sono da sempre intrecciate.
Ha ricoperto il ruolo di Presidente di APIL (Associazione Professionisti dell’Illuminazione) per due mandati.
E’ coinvolta nei progetti di ristrutturazione degli aeroporti milanesi Linate e Malpensa, ha terminato il Terminal VIP di Linate e l’ampliamento dell’aeroporto di Venezia con la sua Lounge. Lo studio ha appena ultimato l’illuminazione degli esterni del Duomo di Milano, due anni dopo aver concluso gli inetrni.
Fra i progetti più significativi si annoverano il nuovo museo di arte contemporanea di Punta della Dogana a Venezia con Tadao Ando, Palazzo Grassi a Venezia con Tadao Ando, il Memoriale della Shoah a Milano con Morpurgo, ampie aree delle stazioni ferroviarie di Roma, Firenze e Milano.
Nel 2010 è fra i 10 designer invitati dal Comune di Milano per l’edizione LED. E’ stata incaricata di redigere insieme a P. Palladino il capitolo sull’illuminotecnica del “Manuale dell’Ingegnere” e i suoi aggiornamenti. Tiene conferenze in Italia e all’estero (Nanchino, novembre 2011, New York, dicembre 2010 – Vancouver febbraio 2010, Berlino – Professional Lighting Design Conference, ottobre 2009 – Oslo Lysdagen 09, novembre 2009).

Andrea Ingrosso

Architetto per formazione e lighting designer per passione, svolge la professione vivendo la luce come travolgente ed entusiasmante stimolo alla propria ricerca progettuale.
Passione che lo ha portato a progettare l’illuminazione di diverse mostre tra cui gli allestimenti scenografici di Franco Zeffirelli; il Museo Castromediano di Lecce; l’Obelisco di Ferdinando I°, Porta Napoli e la Fontana di Piazza Mazzini a Lecce, del M.U.S.A. di Lecce; i flagship stores per Murphy & Nye sia in Italia che all’estero, gli showrooms di Meltin’Pot di Monaco e Parigi; la green Tower a Casablanca e l’EOS hotel per il gruppo Vestas oltre a numerosi interventi nell’illuminazione applicata al restauro come la Torre del Parco. Ha progettato gli impianti tecnologici nel restauro delle mura urbiche a Lecce ed il parco delle Mura con i suoi giardini sensoriali.
È stato docente a contratto di illuminotecnica presso la facoltà di ingegneria del Salento e presso altri centri di formazione universitaria. Ha partecipato come relatore a diversi convegni nazionali ed internazionali sui temi della luce e della sostenibilità energetica.
E’ stato redattore nel gruppo di lavoro sull’illuminazione nel Manuale del Restauro nonché membro della Commissione 2011-2013 del Ministero dello Sviluppo Economico per l’elaborazione dei C.A.M. (Criteri Ambientali Minimi) sull’illuminazione Pubblica.
È componente del direttivo di APIL (Associazione Professionisti dell’Illuminazione) e componente del comitato scientifico del convegno nazionale AIDI 2018. Ha vinto il premio internazionale CODEGA 2014 con il progetto di illuminazione della chiesa S. Nicola a Nociglia.
Attento ai temi della solidarietà e dell’inclusione sociale, oggi porta avanti un progetto di ricerca insieme con l’Unisalento, l’ASL ed un pool di centri di cura, sull’applicazione della luce nella prevenzione dell’Alzheimer.