LIGHT ART IN ITALY 2012

Temporary Installations. LIGHT ART IN ITALY 2012

di Gisella Gellini
Maggioli Editore 2012
Testo italiano e inglese – libro e DVD
ISBN 8838762198 – pagg. 252 – € 38,50

Un progetto editoriale nato cinque anni fa per essere la memoria di opere o eventi di cui altrimenti si perderebbe il ricordo. Il libro, in italiano e inglese, a cura di Gisella Gellini, raccoglie le opere e le installazioni temporanee realizzate con la luce in Italia, e alcuni interventi di esperti internazionali nel settore dell’arte e della Light Art, direttori di musei e organizzatori di festival della luce.
Quinto libro della serie, con un DVD con i video di alcuni artisti per una maggiore fruizione e comprensione delle opere, si apre con la provocatoria domanda dell’autrice: Light Art?
Gisella Gellini, nella sua introduzione, infatti si interroga sulle prospettive degli artisti della Light Art nel contesto culturale e produttivo del nostro paese e del loro possibile ruolo “per fare cultura, valorizzare luoghi e, non ultimo, supportare il design italiano”. Legame quest’ultimo particolarmente caro all’autrice, che nel suo lavoro al Politecnico di Milano ha sempre promosso un’attiva interazione tra arte e design.
Il libro presenta le installazioni realizzate in Italia nel 2012, quasi 50 artisti italiani e stranieri tra cui Nino Alfieri, Valerio Berruti, Stefano Cagol, Nicola Evangelisti, Chiara Dynys, Maria Cristiana Fioretti, Stafano Mazzanti, Sebastiano Romano, Paolo Scirpa, e più di 45 opere selezionate solo tra quelle realizzate in musei, fondazioni e istituzioni pubbliche. Progetto nato per essere da un lato memoria “storica” dall’altro un veicolo per la diffusione della cultura della luce e della Light Art, e per sensibilizzare tutti coloro che possono essere coinvolti: dagli enti pubblici alle aziende, dai docenti agli studenti, le gallerie, i collezionisti d’arte.
L’autrice con passione e idee costruttive ha voluto aprire una sòrta di dibattito invitando a intervenire esperti che lavorano con la luce in ambiti museali, hanno diretto o promosso festival urbani della luce o sono progettisti della luce. Tra questi Fabio Fornasari, che ha curato l’illuminazione di varie mostre e che ha progettato con Italo Rota il Museo del Novecento a Milano. Il portoghese Mario Caeiro, che parla del suo concetto di Light Art e delle sue esperienze di organizzatore di festival della luce. Spyros Kontopoulos, lighting designer greco, che parla di filosofia della luce e della sua esperienza nell’illuminazione di spazi storici.
Light Art 2012 comprende anche un’intervista collettiva a cura di Clara Lovisetti a Helmut Bien, curatore di Luminale; a Peter Weibel, direttore dello ZKM di Karlsruhe e a Peter Fasold, curatore del Museo Archeologico di Francoforte, che ha ospitato due mostre di artisti italiani di Light Art curate dalla stessa Gellini in occasione di recenti edizioni di Luminale.