Eventi / Padova

Giovedì 29 marzo 2012
GLI INVESTIMENTI IN ILLUMINAZIONE PUBBLICA
Uno strumento per liberare finanza nelle amministrazioni pubbliche

Il seminario organizzato dalla Fondazione Ghirardi, in collaborazione con il Centro Studi di Economia e Tecnica dell’Energia G. Levi Cases e AIDI, e con il patrocinio della Regione Veneto, della Provincia di Padova e del Comune di Piazzola sul Brenta, si svolgerà il prossimo 29 marzo, a Villa Contarini, a Piazzola sul Brenta, Padova, sede della Fondazione, dalle ore 14.30 alle ore 19.00.
Come ampiamente spiegato nell’invito allegato – a fronte dei vincoli di bilancio a cui sono soggette le amministrazioni pubbliche – il seminario vuole proporre dei percorsi di miglioramento dell’efficienza degli impianti di illuminazione pubblica, capaci di ridurre i consumi con l’adozione di soluzioni tecniche più prestanti al fine di liberare risorse finanziarie per gli enti locali, combinando il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità e competitività. Se sappiamo, infatti, che il settore dell’illuminazione pubblica rappresenta una delle principali voci di costo di molti enti locali, sappiamo altrettanto quanto essa risulti centrale nella percezione della qualità dei servizi offerti ai cittadini e pertanto quanto sia necessario tenerne conto nel suo valore sociale e culturale.

Il seminario, sarà aperto dai saluti del Presidente della Fondazione, Dino Cavinato, con l’introduzione a cura di Maurizio Gasparin, della Direzione Enti Locali Regione Veneto, e vedrà la partecipazione fra i relatori del Presidente AIDI Triveneto, Anna Busolini e di Elena Pedrotti dell’Università di Padova e del Consiglio Direttivo Sezione AIDI Triveneto.
Seguiranno gli interventi di Fabio Gusso, Studio Legale Gusso; Arturo Lorenzoni, Università di Padova e Galileia srl; Giuseppe Maronna, Sinloc spa; e Enzo Giovanni Fontana, SIMET srl.

Alle ore 18.30 domande, dibattito e conclusioni del seminario.

programma

Fondazione G.E. Ghirardi ONLUS
Nel 1969 Villa Contarini venne acquistata da Giordano Emilio Ghirardi (1898-1990), docente universitario di Fisiologia Umana e fondatore di un’industria farmaceutica. Egli si assumeva l’impegno di dare inizio alle necessarie opere di restauro dell’edificio e del suo parco, sottraendolo al grave stato di degrado. Nel 1970, la Villa e il parco venivano aperti per la prima volta al pubblico e ad eventi scientifici e culturali, nazionali ed internazionali.
Nel 1986, G.E. Ghirardi dava vita alla Fondazione G. E. Ghirardi Onlus, istituzione che accoglie e promuove avvenimenti culturali e iniziative di utilità sociale. I suoi scopi sono sia la ricerca e l’informazione sulla salute e la prevenzione, con particolare attenzione alle malattie degenerative e al cancro, sia la valorizzazione del patrimonio monumentale e culturale della villa. Dal 2005 il complesso è stato acquisito dalla Regione Veneto e prevede l’impiego per eventi culturali e scientifici, definiti da un accordo di programma trentennale con la Fondazione G.E. Ghirardi Onlus.